Manitonquat


Manitonquat Medicine Story

ManitonquatManitonquat è un anziano storyteller nativo americano, leader spirituale della tribù dei Wampanoag del Massachussett.

Poeta e scrittore, autore di svariate pubblicazioni, alcune delle quali tradotte in italiano come: “Ritorno alla creazione” ed. Urra, “Cambiare il mondo” ed. Spirito Libero,  “Gli antichi insegnamenti dei Nativi americani” ed. Terra Nuova, “La Via del Cerchio” ed. La Meridiana.

Da anni gira il mondo, insieme alla moglie Ellika, per aiutare  gruppi di persone a fondare comunità e Villaggi basati sulla Via del Cerchio e per portare avanti programmi di riabilitazione dei detenuti nelle carceri americane.

Il suo messaggio è molto semplice e nello stesso tempo molto profondo, come tutto ciò che è vero e arriva direttamente al cuore. È il messaggio delle Istruzioni Originarie date dal Creatore a tutti gli esseri umani, basate sui valori del rispetto, della condivisione, della bellezza, dell’ospitalità, della gratitudine e della consapevolezza.

Il mio augurio è che il suo messaggio possa toccarvi come ha toccato me e accendere anche in voi la scintilla del cambiamento.

“Nonno Manitonquat” – come lo chiamano sempre i bambini che vengono ai nostri Camp – ci insegna che “insieme non c’è nulla che non possiamo fare” e allora mettiamoci al lavoro insieme a lui per il bene nostro, dei nostri figli e delle generazioni che verranno!

Come ho conosciuto Manitonquat

Certi incontri nella vita sono magici: quello con Manitonquat per me è stato uno di questi.

Avevo letto il suo libro “Ritorno alla creazione”, che mi aveva attratto d’istinto in libreria, e ne avevo citato diverse parti nel mio “Libertà e amore”. Poi, a qualche anno di distanza, avevo ordinato “Cambiare il mondo” che, per uno strano disguido, mi era arrivato in ritardo, proprio il giorno della pubblicazione del mio volume su Maria Montessori.

Era il 4 ottobre 2010: una data che rimarrà per sempre impressa nella mia memoria.

Del suo ultimo libro tradotto in italiano mi colpì quel giorno in particolare una frase: “Quando ci sarà qualcuno che avrà il coraggio di fondare un Villaggio basato sulla Via del Cerchio sappia che io ci sarò per dare una mano. Ellika ed io saremo i nonni della Comunità”. Sembrava scritta appositamente per me…

“Devo assolutamente incontrarlo e fargli avere il mio libro – fu il mio immediato pensiero – ma come fare?”

Così quando poco dopo mi arrivò la mail dell’editrice per comunicarmi la bella notizia dell’uscita di “Libertà e amore” non resistetti e la chiamai al telefono per raccontarle innanzitutto della mia recente lettura e del mio improvviso desiderio di conoscere l’anziano story-teller nativo-americano  e lei tranquillamente mi rispose: “Manitonquat? Ma è qui a Torino, lo vedo domani nell’ambulatorio del mio dentista”. Non è magia questa, secondo voi?  C’è chi questo genere di circostanze le chiama coincidenze ma per me si tratta di bellissimi esempi di sincronicità!

E fu così che una settimana dopo presi un treno per Torino, accompagnata dalla mia cara amica Susan, gentilmente offertasi come interprete, e partii per conoscere Manitonquat.

Da lì a proporgli di organizzare un Camp tutto per noi per mamme e bambini il passo fu breve e i primi di settembre del 2011 eravamo insieme al primo gruppo del nostro “Family Camp”!